Cosmetici anti aging Sostanze miorilassanti


Sostanze miorilassanti

Sono delle sostanze che agiscono sui muscoli del viso, rilassandoli. La maggior parte di queste sostanze viene impiegata per ridurre le rughe di espressione.

La sostanza miorilassante per eccellenza è la tossina prodotta da un batterio, il botulino, nota con il nome BOTOX®. La tossina botulinica è una delle tossine più efficaci, perché riduce il rilascio di acetilcolina, neurotrasmettitore responsabile della contrazione muscolare.

Invecchiamento cutaneo

Rughe ed invecchimaneto cutaneo

Vitamina A ed E contro l'invecchiamento precoce della pelle

Controstare l'invecchiamento cutaneo: vitamina C e B3

Idrossiacidi, Soft-Focus, Peptidi

Depigmentanti

Questa tossina agisce tramite una paralisi temporanea dei muscoli nei quali viene iniettata; pertanto, se tali iniezioni avvengono a livello dei muscoli mimici facciali possono dare un aspetto giovanile e riposato al viso. Si deve ricordare che la somministrazione di questa tossina botulinica spetta SOLTANTO A PERSONALE ALTAMENTE COMPETENTE, come medici specialisti in chirurgia plastica, maxillo-facciale, dermatologia ed oculistica. Infatti, una somministrazione da parte di personale non competente può causare seri problemi di salute alla persona che ne fa uso.
Ci sono anche altre sostanze che svolgono più o meno la stessa funzione del botulino, ad esempio gli acetil-esapeptidi, il dipeptide diaminobutiroil benzalmide di acetato ed infine i lipopeptidi.
Gli acetil-esapeptidi sono peptidi di sintesi che modulano il rilascio di neurotrasmettitori, con conseguente riduzione delle rughe.
Il dipeptide diaminobutiroil benzalmide di acetato è sempre di sintesi e modula il rilascio dello ione calcio inibendo così la contrazione della muscolatura.
I lipopeptidi, sempre di origine sintetica, sono delle catene di acido grasso legate a sequenze aminoacidiche. A questi ingredienti vengono attribuiti molteplici effetti, come la stimolazione del rilascio di sostanze che agevolano il rilassamento muscolare o l'attenuazione del rilascio di quelle che ne accentuano la contrazione.

Ingredienti con effetti sul derma


I principali composti che possono agire sul derma sono:

  1. Retinolo;
  2. Panax Ginseng;
  3. Centella Asiatica;
  4. Echinacea Angustifolia;
  5. Fucosio;
  6. Acido Ursolico

Il retinolo


Il retinolo non è altro che la vitamina A. Come ben sappiamo la vitamina A è una molecola altamente instabile: è termolabile, fotosensibile e si ossida velocemente se esposta all'ossigeno atmosferico. Vista la sua estrema sensibilità, questa molecola, a 20 atomi di carbonio, viene impiegata sottoforma di estere (acetato o palmitato) per aumentarne la stabilità. A livello cutaneo il retinolo stimola la crescita di nuove cellule e regola le secrezioni.

Il Panax Ginseng

Dalle sue radici si estraggono i ginsenosidi, saponine con azione antiossidante ed antinfiammatoria. Studi recenti hanno determinato che questi ginsenosidi hanno capacità stimolante sulla formazione di acido ialuronico.

Centella Asiatica

Echinacea Angustifolia

Nelle radici sono presenti composti che contengono alcuni derivati dell'acido caffeico, come per esempio l'echinacoside. Queste sostanze hanno attività inibitoria sull'enzima che degrada l'acido ialuronico.

Fucosio

polisaccaridi di frutta e verdura, ma si può trovare anche nei batteri (nelle loro pareti cellulari) e nelle glicoproteine seriche. Inoltre il fucosio è un componente fondamentale della parte zuccherina di alcuni glucosidi che agiscono sul cuore. Sulla cute, agisce come stimolatore della crescita cellulare e come antiossidante.

Acido Ursolico

L'acido ursolico, che è un triterpene policiclico, viene estratto dalle foglie del rosmarino. Possiede diverse attività, come l'azione antinfiammatoria, antimicrobica, antiradicalica, stimolante del microcircolo superficiale e inibitoria sull'enzima elastasi.

Ristrutturanti di barriera

Le sostanze maggiormente impiegate sono le CERAMIDI. Queste sostanze sono di natura lipidica e si ritrovano facilmente nel nostro organismo in diversi distretti, come cervello, unghie, capelli e in particolare nello strato corneo. Queste ceramidi svolgono un'azione coesiva tra i vari corneociti, ostacolando la perdita d'acqua transepidermica, ma anche migliorando e mantenendo l'idratazione e la giusta elasticità della cute, aumentando la resistenza ad agenti chimco-fisici che possono insultare lo strato corneo ed infine regolando l'attività di desquamazione/coesione.
Le ceramidi che possono essere prodotte sinteticamente o semi-sinteticamente in laboratorio, vengono identificate da un numero che va da 1 a 5. Ogni ceramide avrà un compito differente; per esempio, la ceramide 2 e la cermide 5 svolgono compiti relativi all'idratazione e alla ristrutturazione dello strato corneo. Le ceramidi sono dei composti molto costosi perché vengono prodotte mediante una sintesi complessa.