Accelerare lanabolismo in modo naturale


A cura di Filippo Casini



Non appena avrete finito il workout assumete 20 g di proteine whey e la stessa dose di BCAA insieme a 250 ml di bevanda energetica, tipo Gatorade, per generare un piccolo innalzamento di insulina, l'ormone anabolico per eccellenza, che facilita l'entrata nel muscolo dei nutrienti.
Fatevi la doccia e consumate altri 20 g di whey (l'altra metà dello shake) e una banana o una fonte di plumcake light misura ad esempio, per generare un ulteriore, leggero, picco di insulina e favorire nuovamente l'assorbimento dei carboidrati come bodybuilding natural: di più non significa più risultati.

4) massimizzarel'anabolismo notturno con il pasto'prenanna'


L'ultimo momento fondamentale della giornata per garantire un anabolismo quasi continuo è quello che avviene prima di andare a dormire con l'ultimo pasto della giornata.
E' fondamentale consumare proteine a lento rilascio, l'ideale sono le caseine micellari, che si trovano nei latticini, essendo la frazione proteica più rappresentata e meno nobile (valore biologico tipico 63) del latte: nei latticini magri come lo yocca (o qualunque formaggio a fiocchi) troverete una dose considerevole di proteine sottoforma di caseine.
E' opportuno consumare 25 g di proteine circa (1 ogni 3 kg di peso) prima di andare a dormire, sotto forma di caseine micellari,e aggiungere 2-3 fette integrali: i carboidrati assunti non alzeranno o quasi l'insulina poiché la farina integrale ha un lento assorbimento, per di più i pochi grassi contenuti nel formaggio magro, uniti alle fibre delle fette, moduleranno l'assorbimento deinutrienti per l'arco della nottata, evitando così di incorrere nel temuto catabolismo dovuto al digiuno notturno.
Per chi sapesse di svegliarsi ogni notteabitualmente è ideale prepararsi la sera prima uno shaker con 20 g di proteine del siero di latte, da sorseggiare prima di riaddormentarsi.
In questo modo sarete davvero in un continuo anabolismo e non potrete che crescere di continuo.

5) nota bene


Eccetto che per il pasto 'prenanna', non si parla mai di consumare grassi, nemmeno quelli 'salutari' come gli omega-3 ad esempio, perché i grassi rallenterebbero sensibilmente l'assorbimento di nutrienti e la conseguente sintesi proteica oltre al ricarico di glicogeno.
Se sentite il bisogno di qualche grasso in più, sottoforma di un cucchiaino di olio extra vergine di oliva o burro di arachidi, potete consumarlo nei pasti di metà giornata e prima di dormire: in pratica nei pasti in cui trascorreranno 3 o 4 ore prima che mangerete nuovamente, così da aver un afflusso più lento di nutrienti: non dovete però consumarli nei momenti sopra citati, se non esplicitamente scritto (come nel pasto 'prenanna').
Buona crescita a tutti voi.