Dieta Mayo


La dieta chetogenica Mayo (da non confondere con l'attuale dieta della prestigiosa clinica Mayo) e una tecnica di riduzione ponderale nata una settantina di anni fa (si vede…) e messa a punto negli anni 80'.
La dieta Mayo consiste nella restrizione calorica di quattordici giorni, tra i quali ne sono presenti solo due di riposo. E' un protocollo insostenibile che mira al calo repentino di diversi chili, tra i quali non solo adipe ma sicuramente tanta massa muscolare e, nella peggiore delle ipotesi, anche massa ossea e cutanea.
La dieta Mayo non e uno schema grammato, tuttavia, non si puo certo dire che sia una strategia “molto elastica”. L'ammontare calorico e di poco inferiore alle 1000 kcal, le quali vengono divise in tre pasti: colazione, pranzo e cena.
Secondo la dieta Mayo, la scelta degli alimenti deve seguire alcune indicazioni:

  • abolire il latte ed i derivati, AD ECCEZIONE DI 1 YOGURT in 14 giorni
  • abolire i cereali ed i derivati AD ECCEZIONE DI UNA FETTA DI PANE AL GIORNO
  • abolire zuccheri aggiunti e alimenti dolci
  • abolire i legumi
  • abolire le patate
  • abolire tutti gli altri ortaggi AD ECCEZIONE DI: sedano, pomodoro, cetrioli, insalata e spinaci, che possono essere consumati in liberta
  • abolire la frutta AD ECCEZIONE DEL POMPELMO
  • consumare dalle 6 alle 36 uova settimanali
  • in sostituzione alle uova, carne o pesce magri alla griglia o al vapore
  • abolire tutti i condimenti ad eccezione di quelli per il contorno
  • CAFFÈ e TE a VOLONTÀ!

La gestione dei pranzi e delle cene della dieta Mayo e programmata nel seguente modo:

  • 11 pasti a base di uova
  • 10 pasti a base di carne
  • 3 pasti a base di pesce
  • 2 pasti a base di frutta
  • 1 pasto a base di yogurt

C'e poco da dire …  la dieta Mayo e di certo uno schema dietetico fatto “con i piedi”, estremamente difficile da seguire, che induce un'elevata sofferenza e carente sotto TUTTI gli aspetti nutrizionali. Le percentuali dei macronutrienti prediligono grassi animali saturi, ai quali si accompagna molto carboidrati e lipidi (anche essenziali), determina inesorabilmente un depauperamento della massa muscolare. La dieta Mayo non tiene conto del fabbisogno di micronutrienti, di conseguenza, nel periodo di restrizione e possibile che si manifestino carenze saline e vitaminiche di discreta entita.
La dieta Mayo e una tecnica assolutamente diseducativa ed inefficace nel lungo termine, in quanto il calo ponderale repentino e l'assenza di un tutoraggio post terapico causano il recupero di tutti i chili persi; inoltre, cio determina un aumento del rischio di protrarre un regime alimentare assolutamente sbilanciato, quindi pericoloso al mantenimento dello stato di salute di chi la pratica; in definitiva, meglio evitare la dieta Mayo per dimagrire!