Bevande Generalit e Tipi di Bevande


Le bevande comprendono un corposo numero di liquidi detti accessori o anche complementari, ragion per cui l'Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) e la Societa Italiana Nutrizione Umana (SINU) non le hanno inquadrate all'interno dei 7 gruppi di alimenti.

Classificazione delle bevande

Le bevande si possono classificare in:

  • Bevande alcoliche
  • Bevande NON alcoliche

Le bevande alcoliche principali (o maggiormente consumate) sono il vino e la birra, ma il gruppo racchiude tutti i liquidi contenenti alcol etilico (distillati, fermentati, liquori, alcopops ecc.). Al contrario, le bevande NON alcoliche si differenziano ulteriormente in: potabile, minerale e da tavola), bevande nervine, (caffe, te, cioccolata liquida, camomilla ecc.) e bevande analcoliche (bibite, succhi di frutta e sciroppi).

Bevande alcoliche


Vino: il vino e un liquido idro-alcolico ottenuto dalla fermentazione del mosto di uva fresca o lievemente appassita. E' una bevanda che sfrutta l'azione fermentativa di lieviti della famiglia dei Saccharomyces che trasformano gli zuccheri in alcol etilico e anidride carbonica. Puo essere rosso (o nero), bianco o rosato, in base alla presenza o meno delle vinacce durante la vinificazione. Un'ulteriore classificazione del vino puo essere effettuata sulla base della DESTINAZIONE al consumo, ovvero: da taglio, da tavola (compresi gli I.G.T. - indicazione geografica tipica), prodotti in regioni determinate - V.Q.P.R.D (dei quali fanno parte i D.O.C. - denominazione di origine controllata e i D.O.C.G. - denominazione di origine controllata e garantita) e i vini speciali (da dessert).

Birra: e la bevanda alcolica piu consumata al mondo; si ottiene per fermentazione alcolica ad opera dei Saccharomyces cerevisiae e carlsbergensis dei mosti preparati con malto d'orzo, acqua, aromatizzanti e infiorescenze di luppolo. In base al contenuto di alcol, le birre possono classificarsi in: analcoliche, normali (3ml/100ml), speciali (3,5ml/100ml), doppio malto (non inferiore a 4ml/100ml).
Distillati e liquori: i distillati si preparano per distillazione di alcune bevande alcoliche o per fermentazione e successiva distillazione dei prodotti vegetali ricchi di carboidrati; la gradazione oscilla tra i 38 ed i 60. I liquori si preparano a partire da alcol o da distillati per aggiunta di zucchero, essenze, erbe, acqua e talvolta anche coloranti; il contenuto alcolico oscilla tra il 20 e il 50%. Si classificano in: liquori alla frutta, liquori amari e semiamari, liquori a base di essenze.

Bevande nervine

Caffe: il caffe e una bevanda nervina ottenuta per infusione a caldo della polvere di caffe. Le specie vegetali dalle quali si ricava il chicco (successivamente torrefatto e polverizzato) sono la Coffea robusta e la Coffea arabica. La produzione del caffe si basa su alcuni passaggi: raccolta, estrazione del seme dal frutto, selezione dei semi e torrefazione (prima del consumo, ovviamente, anche la macinatura). Il caffe e una bevanda che contiene caffeina, una alcaloide con effetti eccitanti sull'organismo.
Te: il te o the e una bevanda che si ottiene per infusione a caldo delle foglie di Thea sinesis o Thea assamica o Camelia Tea. Esistono vari tipi di te: te verde, te nero, te oolong, te scented. E' possibile anche reperire te solubili istantanei, deteinati e te pronto al consumo; gli alcaloidi del te sono costituiti soprattutto da caffeina (o teina), teofilina e sistema nervoso centrale come stimolanti.
Cioccolata liquida: la cioccolata liquida, detta anche in tazza, e il frutto della miscelazione tra: polvere di latte ed eventualmente zucchero. La cioccolata in tazza, oltre a una bevanda, e anche un alimento propriamente detto in quanto apporta: grassi, zuccheri, sali minerali, estratti vegetali e caffeina.

  • Gassose: sono bevande semplici composte da acqua, zucchero, essenza di limone, acido citrico o tartarico, e anidride carbonica (senza coloranti).

    Succhi di frutta: sono bevande NON fermentate che mantengono aroma, sapore e colore della materia prima di estrazione; si ottengono per estrazione meccanica del succo dai frutti. E' opportuno distinguere:

    • Il succo di frutta: che contiene il 100% di succo naturale
    • Il nettare o succo e polpa di frutta: ottenuto aggiungendo acqua e zucchero a un succo naturale o concentrato (sono bevande che in media contengono il 40-50% di frutta).
    • Sciroppi: Si ottengono da succhi di frutta o estratti vegetali aggiungendo un'elevata percentuale di zucchero che varia dal 60 al 70%.